Milano – Contestazione ai nazisti, denunce agli antifascisti


2 denunce per la contestazione del 13 Febbraio in Municipio 4.

16708257_983424505124813_563804380810404273_n
image-48166

Aveva fatto molto discutere due mesi fa la concessione (poi ritirata) della Palazzina Liberty da parte del Municipio 4 a guida leghista per un concerto in ricordo delle Foibe organizzato da strutture vicine al gruppo neofascista Lealtà Azione.

La polemica era esplosa con forza in città con una contestazione durante la seduta del Municipio 4 per le coperture politiche date all’evento dalla “nuova” Lega Nord di Salvini a matrice nazionalista e sovranista.

Qualche giorno dopo, un centinaio di antifascisti che contestavano appunto queste coperture durante lo svolgimento di un convegno sulle Foibe tenuto in Municipio 4 in Via Oglio, era stato caricato da Polizia e Carabinieri. Il presidio si era poi trasformato in un corteo che aveva percorso le vie del Corvetto.

A poco più di due mesi dai fatti, con l’ormai consueta rapidità che contraddistingue la Procura di Milano quando si tratta di perseguire episodi di conflitto sociale, sono state notificate due denunce per resistenza per i fatti di quella sera. I denunciati sono un attivista del Lambretta e un attivista dal CAAB Barona.

Nella Milano dove il 25 Aprile viene consentita l’esposizione di striscioni infamanti contro la Resistenza e la commemorazione dei morti della Repubblica Sociale Italiana la pratica dell’antifascismo continua a costare salata…

 

Pubblicato da Matteo, il 27 aprile 2017 alle 11:10