HiHere: Creare rete di solidarietà


hihereNasce un’app che mira a creare reti di solidarietà con i migranti.

L’idea è venuta a  due ragazze italiane, Martina e Caterina, in seguito a una permanenza di due mesi nel Cara di Borgo Mezzanone in provincia di Foggia.

Hanno osservato che la prima cosa che fa un immigrato quando arriva in Europa è procurarsi uno smartphone e cercare una zona WI-FI per mettersi in contatto con amici e parenti, o per informarsi sulle leggi del nuovo paese, sulle strutture di accoglienza, ecc.

Hi Here è un’applicazione pensata per i migranti e per le comunità che li ospitano, che contiene tutto questo allo scopo di abbattere le barriere di comunicazione e di fornire più informazioni possibili a chi si trova perso e spaesato in un paese sconosciuto.

L’applicazione è già operativa e scaricabile su Android ma è ancora poco conosciuta e necessita di essere riempita con maggiori informazioni utili ai migranti, per questo HiHere, LUMe, Emergency, Amnesty International, Progetto 20K, NAGA, Cambio Passo, Meltingpot e Black Panthers, che combattono da anni per un’accoglienza degna,  stanno collaborando per diffonderla al meglio.

L’invito è quello di scaricare l’applicazione, di diramarla e di collaborare con le associazioni per migliorarla dov’è possibile.

Di seguito il link che contiene la spiegazione dell’app:

Hi Here: online la app per cambiare il volto dell’accoglienza in Italia

Pubblicato da Marti RSM, il 27 marzo 2017 alle 10:39